Settembre nero, con Quota 100 si rischia una valanga di 70mila cattedre vuote

Settembre nero, con Quota 100 si rischia una valanga di 70mila cattedre vuote

Settembre nero. E’ di circa 34 mila tra docenti e personale amministrativo (Ata) la platea di coloro che possono avere interesse ad andare anticipatamente in pensione con quota 100: di questi almeno i due terzi cogliera’ questa opportunita’ (di questi gli Ata sono solo 5 mila).

E cosi’ rischia per la scuola di crearsi un forte vuoto negli organici a partire da settembre. Soprattutto se si calcola che, agli oltre 20 mila che andranno via con Quota 100, devono aggiungersi circa altre 20 mila persone che lasceranno la scuola per anzianita’. Sono gia’ 32 mila quest’anno i posti lasciati vacanti (molti per il sostegno) per mancanza di candidati con i requisiti.

Una valanga di 70 mila cattedre vuote incombe dunque allo squillo della campanella il prossimo anno scolastico. Ieri il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato la circolare d’attuazione per tutte le forme di pensionamento anticipato. La domanda potra’ essere presentata dal 4 al 28 febbraio; per il personale scolastico, l’unica uscita sara’ quella tradizionale del 1 settembre.

L’ALLARME DEI SINDACATI

I sindacati sono allarmati: “Nelle nostre sedi c’e’ grande affluenza di docenti che vogliono lasciare la scuola anticipatamente per difficolta’ riscontrate sul piano professionale: l’esodo dalla scuolasolo con Quota 100 potrebbe superare le 30 mila unita’”, dice Maddalena Gissi, leader della Cisl Scuola. E’ urgente che la procedura concorsuale venga immediatamente attivata.

Il sindacato ha proposto un questionario per capire il perche’ si accetta retribuzione minore, pur di lasciare la scuola. Da quanto emerge prevalgono il disamore per una attivita’ professionale che non e’ piu’ gratificante e la scarsa attenzione negli anni da parte dei governi nei confronti del mondo della scuola.

Per Pino Turi (Uil) saranno almeno 20 mila i docenti interessati a quota 100: “c’e’ una emergenza. Occorre che l’amministrazione metta mano ad una fase transitoria, con un percorso accelerato per i precari che hanno maturato almeno 36 mesi di servizio e consentire un loro reclutamento rapido”.

“Siamo preoccupati – sostiene anche Rino Di Meglio della Gilda – questo esodo significhera’ ulteriori vuoti di organico. Ci auguriamo che il meccanismo dei concorsi si metta in moto ma la macchina e’ lenta. Sicuramente non si potranno colmare i vuoti per l’inizio del prossimo anno scolastico a settembre, e’ matematicamente impossibile”.

Leggi altre notizie su Scuola e Docenti e attiva le notifiche per restare sempre aggiornato.

Qui la pagina Facebook