Ricorsi per i brutti voti a scuola? Genitori, è irragionevole. Parola del Presidente del TAR

Ricorsi per i brutti voti a scuola? Genitori, è irragionevole. Parola del Presidente del TAR

Ricorsi al TAR per i brutti voti a scuola? Genitori, è irragionevole. Ne è convinto il presidente del Tribunale amministrativo toscano Manfredo Atzeni che durante l’inaugurazione dell’anno giudiziario a Firenze ha sentenziato: non rivolgetevi per forza a noi se i vostri figli vanno male a scuola.

Ricorsi per brutti voti

“E’ quasi impossibile – ha detto – valutare a posteriori la congruità di un giudizio che presuppone un’esperienza di vita in comune durata un anno”. “Troppo spesso le impugnazioni si basano sul presupposto che l’offerta formativa non è stata sufficiente e per questo l’alunno deve essere promosso. Ma – ha aggiunto – in questo modo si usa il meritevole sforzo del legislatore per aiutare chi presenta difficoltà obiettive come strumento per consentire a chi non si dedica allo studio di ottenere il pezzo di carta senza esserselo meritato”.

Il precedente

Come riporta il Corriere già lo scorso anno l’allora presidente del Consiglio di Stato, Alessandro Pajno aveva commentato a proposito. “C’è una difficoltà di accettare la decisione dell’autorità che trova ulteriore espressione nei ricorsi. Ricorsi con cui talvolta i genitori contestano la bocciatura dei propri figli a scuola”.

Leggi altre notizie su Scuola e Docenti e attiva le notifiche per restare sempre aggiornato.

Qui la pagina Facebook