Primo giorno di scuola del ministro delle merendine. Fioramonti è un esame di riparazione per quello che hanno combinato prima

Primo giorno di scuola del ministro delle merendine. Fioramonti è un esame di riparazione per quello che hanno combinato prima

Primo giorno di scuola del ministro delle merendine. Fioramonti è un esame di riparazione per quello che hanno combinato prima – di Maurizio Crippa, vicedirettore del Foglio

Come prima cosa aveva proposto di tassare le merendine per finanziare le esangui casse del sistema scolastico e l’aumento di stipendio degli insegnanti. Come seconda cosa ha minacciato: “Un miliardo alle università entro Natale o mi dimetto”, che detta così fa molto ex ministro Fontana quando esigeva un miliardo per le famiglie, prima di finire spiaggiato al Congresso di Verona e poi, definitivamente, al Papeete.

CRIPPA: “FIORAMONTI E’ COMPETENTE”

Se poteva festeggiare il suo primo giorno di scuola con due supercazzole di nessun costrutto, il neo ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Lorenzo Fioramonti, deputato 5 Stelle, lo ha fatto. Non per incompetenza, teniamo a sottolineare: competente è competente. L’indecorosa caciara di insulti ai ministri senza laurea era iniziata con il suo predecessore Valeria Fedeli, eppure aveva svolto con diligenza il compito che le era stato assegnato, lo smontaggio per via sindacale del sistema di reclutamento dei docenti. Disegnato, ahinoi sulla sabbia, dalla Buona Scuola. Fioramonti è laureato, è docente universitario di Politica economica (a Pretoria), ha scritto saggi e libri.

(…)

Fioramonti era vice ministro del Miur con Marco Bussetti, tecnico, e al tempo disastrosamente perso in precedenza dovrà rimediare. A partire dalla “emergenza” – inspiegabile, agli occhi delle famiglie e degli studenti: ma non avevano fatto una riforma “definitiva”, qualche anno fa? – che ancora una volta tiene banco: quella della mancanza di organico. Non soltanto di docenti di ruolo, persino di supplenti.

(…)

CONTINUA A LEGGERE QUI 

Leggi altre notizie su Scuola e Docenti e attiva le notifiche per restare sempre aggiornato.
Qui la pagina Facebook