Licenziamento dell'insegnante: ecco i casi in cui può avvenire senza preavviso che non tutti i prof conoscono

Licenziamento dell'insegnante: ecco i casi in cui può avvenire senza preavviso che non tutti i prof conoscono

Licenziamento dell’insegnante. Quando e in quali modalità può avvenire. In un articolo pubblicato su La Legge per Tutti si legge quanto segue.

Il licenziamento può avvenire in due modi: con o senza preavviso.

Il licenziamento con preavviso

Un insegnante che viene licenziato ha diritto al preavviso se alla base del provvedimento ci sono questi motivi:

si è assentato senza giustificato motivo per più di tre giorni nell’arco di due anni o per più di sette giorni in un decennio;
non è rientrato entro il termine dettato dalla Pubblica amministrazione;
non ha accettato un trasferimento imposto per giustificate necessità di servizio.

Il licenziamento senza preavviso

Si può licenziare un insegnante senza che questi abbia il diritto al preavviso quando:

attesta falsamente la sua presenza al lavoro;
dichiara il falso su un’autocertificazione per avere un posto di lavoro o per fare carriera;
rimane coinvolto in prima persona in ripetuti episodi violenti, aggressivi, minacciosi, ingiuriosi o che recano un danno a terzi;
subisce una condanna penale con l’interdizione perpetua dai pubblici uffici o la cessazione del rapporto di lavoro;
viola insistentemente i suoi obblighi di servizio stabiliti dal contratto nazionale di categoria o dal codice di comportamento dell’amministrazione a cui fa riferimento.

Leggi altre notizie su Scuola e Docenti e attiva le notifiche per restare sempre aggiornato.

Qui la pagina Facebook