La scuola assurda: con più di 200mila cattedre libere, i presidi cercano supplenti su social

La scuola assurda: con più di 200mila cattedre libere, i presidi cercano supplenti su social

“Siamo all’assurdo, perché in Italia abbiamo il record di posti liberi, più di 200 mila. E quello di precari, quasi mezzo milione, ma non si riesce a garantire la copertura delle cattedre. Se siamo giunti al punto che un dirigente deve lasciare dei messaggi sui social per individuare i docenti ad avere comunque difficoltà per reperirli significa che il sistema di gestione dei precari è finito fuori controllo. La sua utilità, attraverso graduatorie di merito, GaE e graduatorie regionali e d’Istituto, si ferma alla copertura di poco più della metà delle cattedre”. Così Marcello Pacifico, presidente del sindacato di categoria della scuola Anief, commenta un annuncio postato su Facebook da un dirigente scolastico di una scuola di Genova e Camogli per la ricerca di un insegnante di elettrotecnica.

“Significa che decine di migliaia di cattedre vengono ormai assegnate tramite Messa a disposizione, la cosiddetta Mad. Oppure attraverso individuazioni con modalità disparate, tra cui anche la ricerca sui social. È chiaro che, trattandosi di un servizio pubblico e di istituzioni statali, siamo finiti molto al di là di quello che la legge consente. Con effetti nefasti che inevitabilmente si ripercuotono sulla continuità didattica e sulla qualità dell’offerta formativa. Il ministro Fioramonti ci convochi e ascolti le nostre proposte per modificare il decreto-legge in Parlamento prima dello sciopero del 12 novembre”, conclude.

COMUNICATO STAMPA ANIEF

Leggi altre notizie su Scuola e Docenti e attiva le notifiche per restare sempre aggiornato.
Qui la pagina Facebook