La disdetta sindacale, consigli pratici e una proposta operativa al Mef

La disdetta sindacale, consigli pratici e una proposta operativa al Mef

La disdetta sindacale, consigli pratici e una proposta operativa al Mef – di Libero Tassella S.B.C.

1) Compilare attentamente la modulistica, indicando il codice corrispondente al Sindacato dal quale si vuole disdire e spedire alla Direzione Provinciale del Tesoro della provincia della scuola di servizio.

2) Allegare alla Raccomandata con ricevuta di ritorno o alla PEC la fotocopia autoautenticata del documento di riconoscimento. ( Carta di identità valida).

3) N.B. La disdetta non è a carico né del sindacato né della scuola di servizio, quindi non rivolgersi alla segreteria della scuola né al sindacato dal quale si vuole disdire, al sindacato non va mai inviata la disdetta.

4) Dopo due mesi non dovete più avere la trattenuta sindacale, verificare lo statino paga.

5) Nel caso che al terzo mese trovate ancora la trattenuta, allora inviate immediatamente un reclamo diffida alla Direzione Provinciale del Tesoro, richiedendo la restituzione delle trattenute sindacali effettuate dall’ente pagatore a favore del sindacato dopo la disdetta.

6) Consiglio pratico: di fare la disdetta sindacale o alla fine del mese o nei primi giorni del mese successivo.

N.B. S.B.C. Scuola Bene Comune crede che debba essere attivata una funzione presso la piattaforma Noipa per consentire agli iscritti ai sindacati di effettuare direttamente la disdetta sindacale, semplificando al massimo la procedura, evitando ingiustificati rallentamenti nella procedura della disdetta.

Leggi altre notizie su Scuola e Docenti e attiva le notifiche per restare sempre aggiornato.
Qui la pagina Facebook