Impronte digitali per i docenti, il Garante della Privacy: "No a norme poliziesche a scuola"

Impronte digitali per i docenti, il Garante della Privacy: "No a norme poliziesche a scuola"
Durante l’audizione davanti alla commissione Affari Costituzionali e Lavoro della Camera, Antonello Soro, Garante della Privacy, ha espresso un giudizio estremamente negativo sul tentativo di introdurre norme ‘poliziesche’ di controllo (biometria e videosorveglianza) attraverso il DDL Concretezza.

IL GARANTE

La testimonianza del Garante non lascia dubbi sull’incompatibilità dei controlli biometrici “con la disciplina europea”. Perché tali controlli sono richiesti in modo “sistematico e generalizzato”. Senza che ci sia la presenza concreta di fattori di rischio specifici e soprattutto senza dimostrare l’inidoneità di altri sistemi meno invasivi.

L’impiego di questi strumenti richiede particolari avvertenze e cautele. E comunque una garanzia collettiva come quella che può essere offerta dal sistema delle relazioni sindacali e dalla contrattazione nazionale.

LA DENUNCIA

Abbiamo subito denunciato il tentativo di introduzione di tali norme, chiedendo l’abrogazione dell’articolato in questione. In occasione delle audizioni alle quali abbiamo partecipato insieme alla CGIL ed alla FP CGIL.

In assenza di investimenti concreti per il rinnovo contrattuale del comparto “Istruzione e Ricerca”, il governo ripropone la solita trita propaganda politica per denigrare la dignità dei lavoratori, genericamente etichettati come “furbetti” e “fannulloni” ogni qual volta si avvicina il momento del rinnovo contrattuale.

IL BRUNETTISMO DI RITORNO

Adesso a fronte della pesante stroncatura del “brunettismo di ritorno” della Ministra Bongiorno, la FLC CGIL ribadisce la propria determinazione a ricondurre tutte le materie che riguardano il rapporto di lavoro nella contrattazione, e per questo rinnova alla Ministra l’invito a riportare la discussione ai tavoli opportuni, convocando le parti sociali. Il sistema pubblico di Istruzione e Ricerca è una risorsa strategica che richiede investimenti e cura da parte della politica e non misure repressive.


Comunicato stampa Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL Nazionale

Leggi altre notizie su Scuola e Docenti e attiva le notifiche per restare sempre aggiornato.

Qui la pagina Facebook