Il bullismo a scuola causa in età adulta segni psicopatologici

Il bullismo a scuola causa in età adulta segni psicopatologici

Il bullismo causa in età adulta segni psicopatologici. Le conseguenze del bullismo non si esauriscono nell’età giovanile e adolescenziale, ma “lasciano un segno enorme in termini di psicopatologia per decenni”. Lo ha detto Giuseppe Bersani, professore associato di Psichiatria all’università Sapienza di Roma. La dichiarazione nel corso delle audizioni della Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza nell’ambito dell’indagine conoscitiva su bullismo e cyberbullismo.

“Pazienti affetti da disturbi depressivi, ansia, agorafobia, disturbi dissociativi”, sono spesso ex bambini bullizzati, che, se seguiti in un percorso di sostegno psicologico, non riferiscono la loro esperienza “in prima battuta, perché hanno difficoltà a verbalizzare e forse anche a ricordare”. Un meccanismo che ricalca quello dell’anamnesi dell’abuso infantile, che si lega al fenomeno dell'”identificazione con il persecutore”.

“Estremamente più pericoloso”, secondo il professor Bersani, e’ il cyberbullismo, perché “salta la relazione. Nel bullismo- spiega- c’e’ un comportamento vessatorio intenzionale. La ripetitività, la relazione asimmetrica tra soggetto forte e soggetto debole, e il fatto che e’ un atto pubblico. Nel cyberbullismo la relazione salta perché scatta la dimensione dell’anonimato e spesso la vittima non sa chi e quanti lo perseguitano”. Saltano anche i ruoli, tanto che il bullizzato tende ancora di più “ad identificarsi con il contesto persecutorio” e a diventare lui stesso un bullo, perché “l’aspetto più doloroso e’ l’esclusione”.

Leggi altre notizie su Scuola e Docenti e attiva le notifiche per restare sempre aggiornato.

Qui la pagina Facebook