Autonomia, il golpe tecnico è dietro l'angolo. Svelate le bozze di intesa che fanno a pezzi il paese

Autonomia, il golpe tecnico è dietro l'angolo. Svelate le bozze di intesa che fanno a pezzi il paese

Le carte segrete sull’autonomia che oppongono in queste ore Lega e Cinque Stelle sono state pubblicate ieri dal sito Roars.it, specializzato nel dibattito sulla scuola e la ricerca universitaria.

Una prima anticipazione dei testi sul regionalismo differenziato era apparsa l’11 febbraio scorso sempre sullo stesso sito. Le nuove bozze di intesa datate 16 maggio, analizzate dal Quotidiano del Sud il 4 luglio scorso, sono state sottoscritte dal presidente del Consiglio Conte. E dai governatori delle tre regioni interessate. Lombardia (Fontana), Veneto (Zaia) e Emilia Romagna (Bonaccini). Da febbraio i testi sono cambiati molto poco. Il Veneto è la regione più aggressiva che chiede per sé tutte le 23 materie previste dal titolo quinto della costituzione; la Lombardia ne chiede 20, l’Emilia Romagna 16. Dell’elaborazione fino ad oggi conosciuta è nota solo la parte introduttiva, non tutto il resto.

I testi non saranno probabilmente aggiornati all’ultima cervellotica mediazione tra i legastellati, del resto ancora lontana, ma almeno sono leggibili integralmente. Il dibattito che procede in un’atmosfera da «golpe tecnico», osservano i ricercatori di Roars, risulta meno oscuro e confuso in vista del prossimo incontro domani a palazzo Chigi.

Leggi altre notizie su Scuola e Docenti e attiva le notifiche per restare sempre aggiornato.
Qui la pagina Facebook